logo scenari magazine

Da dove nasce Halloween? Qual è la sua origine?

Spesso in tv nei nostri adorati film americani compaiono bambini un pò buffi un pò tetri che chiedono "dolcetto o scherzetto?" e spettacolari zucche intagliate che fanno paura ... ma perchè si festeggia Halloween? e come mai questo evento è stato sdoganato anche in Italia?

Halloween

Partiamo dal principio, partiamo dal significato della parola Halloween che deriva dall'inglese arcaico e significa Festa dei Ognissanti. 

Di solito si tende ad associare questa festa agli Americani, niente di più sbagliato, le origini di questa festa sono Britanniche per essere più precisi Celtiche.

Nel passato i Celti erano un popolo dedito all'agricoltura e all'allevamento, la loro vita con annessi cambiamenti, era scandita dai cambiamenti climatici, per questo la fine dell'estate (Samhain) significava spostarsi a valle e portare con se gli ultimi raccolti utili per passare l'inverno, vi chiederete cosa centra questo con Halloween? Centra eccome, loro ringraziavano gli spiriti per la generosità del raccolto... Samhain era, dunque, una celebrazione che univa la paura della morte e degli spiriti all’allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno rappresentato dalla fine dell'estate e il ritiro per far fronte alla stagione fredda.   

Cosi nasce proprio da qui l'uso di mettere fuori dalle porte di casa i dolcetti per le anime. Con il passare del tempo sono stati i bambini a vestirsi da spiriti e passare casa casa per dolcetto o scherzetto e altra usanza è che durante la cena, si lascia un posto libero a tavola per lo spirito. Tutto per omaggiare i defunti. 

Ma adesso vediamo perché il simbolo di questa festa è la zucca tagliata. 

Partiamo da molto lontano, quella che vi stiamo per raccontare è una leggenda irlandese e parla dell'anima di Jack. 

Jack era un taccagno ubriacone e un giorno mentre tornava a casa ubriaco come al solito, fu colpito da una cirrosi epatica e stramazzò a terra, ma prima di morire il Diavolo reclamò la sua anima, al quale il furbo ubriacone fece una proposta, un ultimo desiderio prima di morire.

Il diavolo li concesse il diesiderio che era "un ultima bevuta". "Purtroppo", disse al Signore delle Tenebre, "non mi ritrovo nel portafoglio neppure il becco di un penny. Pertanto, signor Diavolo, potrebbe trasformarsi in una moneta da sei penny, onde consentirmi quest'ultima bevuta?". Il Diavolo decise di agevolare l'ubriacone, ma, non appena si trasformò in una moneta da sei penny, si trovò imprigionato dal furbo Jack, che lo infilò velocemnete nel suo portamonete, in compagnia d'un crocefisso d'argento. 

Il Diavolo era molto arrabbiato ma non potendo trasformarsi nella sua reale forma per l'effetto del simbolo cristiano, accettò l'ulteriore proposta di Jack: posporre di un anno la presa della sua anima.

Cosi Jack decise che in quell'anno avrebbe fatto di tutto per migliorare il proprio comportamento. Ma cosi non fu, e alla fine dell'anno cerco di imbrogliare nuovamente il diavolo, chiese nuovamente un ultimo desiderio: "Senta, signor Diavolo, non potrebbe aiutarmi a prendere quella mela lassù, all'estremità di quel ramo? Le sarei grato per tutta la vita…", gli disse. Il Diavolo annuì e mentre afferrava la mela, il furbo Jack, incise rapidamente sul tronco dell'albero una croce, così che il Diavolo non riuscì a scendere. 

Cosi il Diavolo gli promise di lasciarlo in pace per dieci anni. Ma Jack rilanciò: "Se la faccio scendere, signor Diavolo, lei mi deve promettere che non pretenderà mai più la mia anima". E coi il diavolo accettò. 

Ma il suo fegato non tenne conto di questi accordi e un anno dopo Jack… morì.

Il Paradiso era l'ultimo posto in cui poteva presentarsi visti i suoi trascorsi, e si presentò alle porte dell'Inferno. Il Diavolo, a cui bruciavano ancore le umiliazioni inflitte dall'ubriacone, gli sbarrò la strada e lo cacciò. Il diavolo gli lancio un pezzo di ramo infuocato e Jack che stranamente aveva in mano una grossa rapa la intagliò e ci mise dentro il pezzo di carbone incandescente, per illuminarsi la strada.

Da allora, nella notte di Halloween, c'è sempre una fiammella che vaga nell'oscurità alla ricerca della strada per casa.
Quello è Jack O'Lantern. 

Salva

In Evidenza

 
 

Chi siamo

Scenari Magazine

Scenari Magazine nasce dall'idea di uno studio di comunicazione di Lecce (Mediacreative) di creare un free press che parlasse di sole cose felici: eventi, spettacoli, curiosità nel Salento ma non solo.

Mission

La nostra mission è di fornire spunti di riflessione ai nostri numerosi lettori, e offrire alle aziende inserzioniste una visbilità "costruttiva" , basata sui contenuti e non solo sulle immagini

Distribuzione

Il free press è distribuito nei bar e locali di Lecce e del Salento "più belli", Luoghi di incontro e di eventi che coinvolgono principalmente persone giovani e dinamiche, più attente agli argomenti trattati dalla rivista

Comunicati

Siamo sempre felici di ricevere i comunicati stampa relativi eventi e spettacoli che si terranno nel Salento. Ci piace pensarci al fianco delle associazioni che operano sul territorio. il nostro indirizzo è info@scenarimagazine.it

Social

Siamo presenti su tutti i canali social per restare sempre in contatto e portare le nostre notizie ovunque!

Facebook

Google +

Twitter